Investire Online: Soluzioni e consigli per fare soldi online.
Il Trading online con Opzioni Binarie comporta un grado di rischio elevato.
HomeNewsil Diritto alla riservatezza per le riprese aeree con drone: quali norme possono salvaguardare

il Diritto alla riservatezza per le riprese aeree con drone: quali norme possono salvaguardare

Gli Apr (Aereomobili a Pilotaggio remoto) possono, in molte situazioni, lanciare un’ardua sfida al diritto alla riservatezza. La diatriba è già in atto. Si rende urgente una differente interpretazione di norme in essere. La privacy è inevitabilmente messa in discussione dall’eventualità di riprese aeree con drone. Il fatto che gli Apr diventano sempre più popolari e più funzionali genera crescenti timori.

L’oggetto principale delle discussioni che si sono scatenate è la difficoltà di stabilire, e far rispettare, praticamente un limite alla facoltà di effettuare delle riprese aeree.

Le principali fonti normative applicabili alle riprese aeree con Drone sono il Regolamento ENAC e il Codice in materia di protezione dei dati personali (L. 196/2003).

Il Regolamento ENAC è il pilastro della normativa in materia di riprese aeree con drone.

Tale normativaprevede un modulo di autorizzazione riguardante l’eventuale trattamento di dati personali, nel quale sia specificato che l’operatore ha la responsabilità di rispettare la legge 196/2003. In questo modo si rende applicabile con certezza alle riprese aeree il Codice che attualmente tutela la privacy in tutti gli ambiti. L’articolo 3, in particolare, del Codice per la Protezione dei Dati Personali, impone che la configurazione degli strumenti informatici siano tali da limitare l’uso di dati sensibili. Questo non basta ad avere chiaro il limite alla possibilità di effettuare le riprese.

La tutela è, infatti, indebolita, dal fatto che l’articolo 5 dello stesso codice precisa che la legge sulla privacy si applica nel caso in cui le riprese o le foto siano pubblicate, attraverso qualunque mezzo. Questo si traduce in un’assenza di limiti al detentore delle riprese o delle foto nell’uso di dati personali e identificativi.

Tali dati, cioè, in generale sono tutelati dalla legge sulla privacy anche nell’archiviazione per se, ma nell’ambito delle riprese e foto aeree questa tutela è applicabile solo se rese pubbliche.

Viceversa, si rende necessario approfondire il caso in cui si scelga di pubblicare una ripresa aerea effettuata con drone, che coinvolga un soggetto.

Raramente, con il drone si effettua una ripresa ad un soggetto in particolare in primo piano, ma qualora questo si verificasse e si volesse anche renderla pubblica, è necessaria l’espressa autorizzazione da parte del Soggetto stesso.

Nei casi più probabili in cui il Soggetto non sia in primo piano ma solo inserito in un’immagine più panoramica, l’unico limite all’utilizzo dell’immagine altrui è l’articolo 10 del Codice Civile. Questo implica che si configura un abuso solo nel caso in cui il suo utilizzo leda la dignità e la reputazione sociale.

Anche la Cassazione si è espressa a favore della facoltà di riprendere persone in spazi e situazioni condivisibile con la società.

Il fermento delle discussioni è all’apice e pochi giorni fa è stata circolata una bozza del nuovo Regolamento sui droni, pertanto, sarà necessario monitorare gli sviluppi. Al momento sembra riguardare, piuttosto, requisiti di sicurezza.

Dronionline.net

Vuoi arrotondare il tuo stipendio?

Inizia a Guadagnare con il Trading binario con soli 10€!

Il broker IQOption
FOLLOW US ON:
Facebook: Gestione d
La trasparenza e la

aleciotti@gmail.com

Rate This Article:

Prova le Opzioni binarie con soli 10€!

Prova le Opzioni binarie con soli 10€!